Il Significato delle piante – Il gelsomino di San Giuseppe

Quando la pianta è ancora priva di foglie, i fiori gialli del Gelsomino di San Giuseppe fanno capolino sui rami. Succede intorno al 19 marzo, ma ora anche prima in base alle temperature della stagione, ragion per cui il Jasminum nudiflorum è conosciuto come il gelsomino di San Giuseppe.

 

 

 

 

 

Da non confondere con il fiore di San Giuseppe (la pianta sempreverde dai fiori per lo più rosa), il gelsomino giallo è ideale per arredare balconi, giardini e muri – sfruttando anche le sue doti rampicanti – dal momento che cresce in qualsiasi posizione (assolata e ombrosa) e in qualsiasi terreno, perfino quelli sassosi e, a parte una generosa annaffiatura appena messo a dimora (così da permettere alle radici di attecchire), non richiede cure particolari, si accontenta dell’acqua piovana e resiste bene anche al freddo.

 

 

Il suo significato

Il fiore, originario dell’Asia centrale e cui il nome botanico deriva dal persiano ya-samin, è molto usato nel linguaggio d’amore ispirato alle piante.

Ogni gelsomino, secondo la specie e il colore, che può variare dal bianco al rosa al giallo e al rosso, esprime un sentimento, uno stato d’animo o un desiderio.

Il bianco è segno di Amabilità, il giallo di Felicità.