Il Giardino terapeutico – Sindrome di Down

Che cos’è il Giardino terapeutico?

E’ una nuova risorsa che permette di unire la valenza del percorso terapico e psicologico che un qualsiasi paziente con disabilità psico-fisica fruisce, con i benefici di un’attività svolta in un ambiente naturale. Unisce competenze scientifiche nel campo della disabilità neuro-psichiatrica e l’esperienza della progettazione e cura della manutenzione dei giardini.

 

La Sindrome di Down

E’ una condizione patologica genetica, causata dalla presenza di un cromosoma in eccesso. La malattia è diagnosticata  tramite li screening prenatale o alla nascita. Coinvolge sia l’aspetto fisico, che organico (disturbi al sistema cardiovascolare, respiratorio, scheletrico, immunitario) che quello mentale e neurologico (ritardo cognitivo).

 

 

 

 

Il giardino per la Sindrome di Down

Caratteristiche dell’area da progettare deve prevedere un’ampia zona centrale per il movimento, per le attività di gruppo oltre che aiuole con la piantumazione di arbusti ed alberi da piantare insieme agli utenti stessi.

(Immagine tratta da Vivaio MATI)

 

 

 

L’azione terapeutica

 

1) Stimolazione dell’area cognitiva (memoria, pensiero, coordinazione psicomotoria, linguaggio, svolgimento di un compito)

2) Riabilitazione fisica (lavoro manuale di piantumazione)

3) Indurre uno stato di benessere riducendo la componente di stress, aggressività e chiusura.

4) aumento dell’autostima, inclusione, e rafforzamento del rapporto con gli altri e creazione del gruppo in modo collaborativo.